“L’agricoltura è cambiata. Raccontaci come”.

E’ questo il leitmotiv del 6° censimento generale dell’agricoltura.

In Toscana il censimento sarà realizzato dall’Istat con la partecipazione integrativa della Regione Toscana, mentre spetta ai Comuni il compito di eseguire le rilevazioni sul campo.

Saranno 587 le aziende agricole censite rispettivamente dai Comuni di Figline (277), Rignano (221) e Incisa (89). Nei prossimi giorni partiranno i tre rilevatori, che sono agronomi incaricati dal Comune selezionati tramite apposito bando e dotati di cartellino di riconoscimento. Questi contatteranno direttamente tutte le aziende agricole presenti negli elenchi forniti dall’Istat, aiutandole nella compilazione dei dati richiesti.

Il censimento generale dell’agricoltura, oltre alla consueta modalità di rilevazione in azienda, ha anche una modalità di rilevazione via web, attraverso il collegamento diretto al sito dedicato dell’Istat. L’altra novità di rilievo che caratterizza questo censimento rispetto alle edizioni precedenti è che non saranno censite tutte le aziende agricole, ma solo quelle che rispondono ad una serie di criteri individuati dall’Istat. Per facilitare l’informazione la Regione ha predisposto un “minisito” www.regione.toscana.it/censimentoagricoltura2010 con un banner sul proprio sito istituzionale e stampato 125 mila depliant che saranno distribuiti alle aziende, anche grazie alla collaborazione delle organizzazioni professionali agricole e dei punti informazione degli enti locali sul territorio.

Si ricorda che la partecipazione al censimento è obbligatoria ma i dati censiti sono coperti da segreto istruttorio e saranno utilizzati solo per fini statistici istituzionali.

Patrizia Centi