Nei giorni scorsi ho pubblicato su Facebook  la mia busta paga (che allego) per aprire una riflessione sui costi della politica e per far vedere quanto “guadagnano” realmente gli amministratori locali.
In risposta al mio intervento la lista civica di Castelfranco ha deciso di posizionare nella piazza davanti al Comune una cassetta con scritto “offerte pro sindaco”.
Per questo vorrei precisare il senso della mia iniziativa, ossia sottolineare la differenza che c’e’ tra le spese sostenute per parlamentari, ministri, consiglieri regionali e quanto percepito dagli amministratori dei comuni di piccole e medie dimensioni, i quali svolgono un lavoro importante, carico di responsabilità  in un rapporto diretto e quotidiano con i cittadini.
Purtroppo i tagli agli enti locali e agli amministratori, seppure giusti, hanno avviato un percorso di rigore che vedrà risultati scarsi, e addirittura dannosi, se continuerà ad essere limitato agli enti minori. 
Per questo credo sia necessaria una riforma vera, strutturale,  finalizzata alla riduzione dei costi della politica a tutti i livelli.
I colleghi della lista civica in questi due anni non hanno accettato nemmeno di partecipare alle riunioni del consiglio comunale, convocate la domenica mattina in modo da ridurre i costi ed eliminare i rimborsi ai datori di lavoro, che a fine anno  ammontano a diverse migliaia di euro.
Comprendo che in politica la burla e la polemica facciano parte del gioco, ma non si puo’ ridurre tutto a questo, specialmente oggi, in tempi di crisi, quando la politica deve tornare a essere un servizio serio e scrupoloso.
Io ho cercato di dare il mio contributo per dimostrare che chi ricopre certi ruoli deve mettere al primo posto la serietà e l’interesse generale.
Invito pertanto i colleghi della lista civica a fare altrettanto e ad  usare le cassette per le offerte per iniziative rivolte a chi ha veramente bisogno.
 
Rita Papi
Sindaco di Castelfranco di Sopra