Approvato il nuovo regolamento in consiglio comunale che entrerà a regime dal 2012. Soddisfatte le varie parti in causa

L’ordinanza comunale che ha stabilito fino ad oggi il regolamento della ZTL di San Giovanni era risalente al lontano 1978: allora la reazione alla chiusura del centro fu accolta con perplessità prima della scoperta che a livello economico tale scelta si è trasformata in un’importante ricchezza per la parte più antica della città.

In questi giorni è stato approvato anche per sommi capi il nuovo regolamento, che comprende anche e soprattutto i tanto temuti varchi elettronici: in tutti i punti di accesso alla zona sono in fase di installazione le telecamere che leggeranno le targhe di tutti i veicoli entranti e qualora le auto non siano munite di appositi permessi, scatterebbe una multa in modo automatico.

Poco meno di ottanta euro per il transito, attorno ai 130 se il trasgressore sosterà laddove non può, e senza la possibilità di evitare la sanzione per la mancata presenza dei vigili.

I computer in quanto macchine sono del resto inflessibili.

Mentre gli orari esatti per i fornitori delle attività commerciali sono in discussione e saranno soggetti a singole ordinanze del sindaco, con probabile inizio alle nove del mattino, il concetto della trasformazione dell’area a pedonale troverà due importanti aggiunte, comprensive del cambiamento di destinazione di ottanta posti auto nel centro.

Questi saranno gratuiti e riservati esclusivamente ai residenti, così come sarà loro riservato il secondo piano del parcheggio di piazza Dalla Chiesa, in questo caso attraverso il pagamento di un abbonamento forfetario.

Anche Piazza della Libertà vedrà dei cambiamenti in quanto la parte nord, attualmente gratuita, diverrà a pagamento come l’altra zona più vicina a Via Roma.

La tempistica è ufficiosa ma realistica: da ottobre la partenza con la messa a regime per l’inizio del 2012.

Solo allora si potrà capire quanto questa rivoluzione avrà cambiato il centro storico della città di Masaccio.

Alessandro Forni