Terminata la bollente estate calcistica che ha parzialmente rivoluzionato la geografia del calcio (e che ha interessato anche le squadre del Valdarno), sono ripartiti i Campionati di Lega Pro di Seconda Divisione, mentre prenderanno il via domenica prossima i Campionati di Serie D e di Eccellenza.

A seguito dei recenti fallimenti di Arezzo e Figline, è adesso la Sangiovannese (che è riuscita ad iscriversi al Campionato nonostante anch’essa versasse in difficoltà economiche) la squadra maggiormente rappresentativa a livello calcistico nella provincia di Arezzo e nel Valdarno.

Per la Sangiovannese, dopo un avvio tutt’altro che esaltante nella Coppa Italia di Lega Pro (un punto in tre gare, con conseguente eliminazione dalla manifestazione), il Campionato è iniziato nel migliore dei modi: vittoria per 2-1 in trasferta contro il Giulianova (squadra neo retrocessa e fra le favorite per la promozione in Prima Divisione). Un successo che è un ottimo biglietto da visita per la squadra di Fraschetti, anche perchè ottenuto in zona Cesarini a dimostrazione del fatto che la Sangiovannese è una squadra molto determinata e darà senz’altro in futuro del filo da torcere ai propri avversari. Dopo il vantaggio valdarnese firmato Merini nel primo tempo, la squadra abruzzese ha trovato il pari nella ripresa grazie al neo entrato D’Angelo. Al secondo dei tre minuti di recupero però è stato Chiarini che, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, ha realizzato il gol della vittoria e dei primi tre importantissimi punti per la Sangiovannese: in settimana infatti è attesa la probabile penalizzazione (da 1 a 4 punti) che cadrà sulla testa dei valdarnesi a seguito delle problematiche vicende avute per l’iscrizione al Campionato, mentre domenica prossima ci sarà l’esordio casalingo contro il Fano.

Per l’Atletico Arezzo, nato dalle ceneri del vecchio Arezzo, il cammino riparte invece dalla serie D: una squadra formata in fretta con un organico che dovrà essere rafforzato a meno di una settimana dall’inizio del Campionato. L’Atletico Arezzo è stato inserito nel girone E (insieme al Perugia, altra storica società reduce dal fallimento estivo), proprio lo stesso vinto dall’Arezzo nella sua ultima apparizione nel campionato dilettantistico (stagione 1995-1996): i tifosi aretini si augurano che sia un buon auspicio per la scalata verso la Seconda Divisione di Lege Pro, a partire proprio dalla trasferta di sabato prossimo a Sesto Fiorentino.

Infine anche il Figline ripartirà dai dilettanti: inserita nel girone B di Eccellenza, la nuova società Giallo-Blu Figline ricomincerà da quel Campionato lasciato trionfalmente nella stagione 2005-2006 (con la promozione in serie D) e che segnò l’avvio della splendida cavalcata fino alla Prima Divisione di Lega Pro.

Stefano Nonvel