Serie B1

Torna a casa senza punti, ma merita un calorosissimo applauso il Valdarno Volley per la prova disputata sul campo della capolista San Mariano: come nella gara d’andata (in cui la sorte fu avversa alle nero-celesti) le ragazze di Barbara Biagi giocano alla pari contro le prime della classe, uscendo a testa più che alta dal campo delle forti giocatrici perugine.

Anche stavolta la sorte non è stata certo favorevole alla formazione valdarnese che in partenza è costretta a rinunciare alla Gomiero per infortunio e scende in campo con la Puccini in non perfette condizioni fisiche. Ma i guai non frenano il Valdarno che non si lascia intimorire e parte in quarta: le nero-celesti, con una Ranieri in forma super ed una Giorgi stellare, allungano subito il passo e si portano avanti 11 a 5 (massimo vantaggio) e poi 12-7. Ma il Graficonsul reagisce ed inizia la propria rimonta: il 19-18 che vale il sorpasso non abbatte le fiorentine che non si disuniscono e grazie al loro grande cuore annullano due palle set alle padroni di casa (che conducevano 24-22), allungando la contesa ai vantaggi. L’odissea dello splendido primo parziale registra anche due palle set non sfruttate dalle ospiti e così le umbre riescono faticosamente a chiudere il set col punteggio di 30-28.

Il brutto colpo subito dal team toscano si fa risentire nella seconda frazione: ancora stordite dalla chiusura del precedente gioco, le valdarnesi non riescono a tenere il passo della capolista che allunga subito (8-1) prima di mettere a sicuro il set al secondo time out tecnico (16-10). Il Valdarno ci prova ma ormai il parziale è compromesso: il Graficonsul chiude sul 25-15.

Due colpi così avrebbero steso anche un toro, ma non le strepitose ragazze di Barbara Biagi: il Valdarno riparte con la determinazione del primo set e, pur con qualche difficoltà (ovvia, visto che dall’altra parte c’è pur sempre la capolista) riesce a macinare punti ed a portarsi avanti 8-4. Il San Mariano non ci sta ed anche stavolta rialza la testa e si porta in parità (13-13). L’equilibrio è costante ma le ospiti non perdono la calma e riescono a riportarsi in vantaggio (24-22) nel momento cruciale del set: è un pallonetto di capitan Carlozzi a regalare il meritatissimo 25-22 che consegna il terzo gioco al team toscano.

Nella quarta frazione la battaglia è ancora viva: le padrone di casa vanno avanti 8-6, ma Scilla Basciano realizza il punto del meno uno. E’ però proprio su quel punto che la giocatrice nero-celeste, ricadendo male a terra, si infortuna alla caviglia ed è costretta ad uscire dal campo: è il presagio dello sfortunato pomeriggio in terra umbra. Le ragazze di Barbara Biagi accusano il colpo e le umbre approfittano dello smarrimento delle ospiti, portandosi sul 14-8 prima e sul 20-9 poi: è troppo tardi per poter rimettere in piedi la gara, e la capolista mette a terra (con un muro) la palla del 25-13 che chiude gioco e partita.

Nonostante la sconfitta il Valdarno esce dal campo del San Mariano con la consapevolezza di aver giocato una grandissima partita, nella quale avrebbe meritato quantomeno di giungere al tie-break: ma come nella gara d’andata la fortuna ha voltato le spalle alle fiorentine. Le ragazze di Barbara Biagi hanno sempre dimostrato di saper lottare in mezzo a mille difficoltà e così sarà anche per il futuro: domenica 13 marzo arriva l’Ecomet Marsciano che all’andata ottenne il primo successo in campionato proprio contro le nero-celesti. Riscattare quella sconfitta e tenersi stretto il quarto posto (con il sogno play-off sempre aperto) saranno un ulteriore stimolo per una squadra che, grazie al suo carattere ed al gran cuore, di stimoli non ne ha comunque davvero bisogno.

Stefano Nonvel

Nella foto Scilla Basciano (foto di Rocco Caprella)