Riprende a pieno regime la programmazione culturale del caffè letterario “Fahrenheit 451”

Doppio appuntamento, tra letteratura e arte figurativa.

Primo incontro nell’ambito dell’iniziativa “Scripta manent – Gli autori incontrano i lettori” promossa in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di San Giovanni Valdarno e con l’associazione “I leggomanti”.

Venerdì 12 ottobre, alle 21,30, Simona Baldanzi presenta il suo romanzo d’esordio Figlia di una vestaglia blu edito da Fazi.

L’autrice trentenne, affronta con tono talvolta ironico, talvolta malinconico, la realtà proletaria nella quale ha vissuto.

Traendo spunto dalla sua tesi di laurea sui lavori della TAV, il libro instaura un parallelo tra la situazione degli operai che lavorano nei cantieri dell’alta velocità e la realtà di fabbrica delle tante donne del Mugello che hanno trascorso alla “catena” decenni della loro vita.

Un libro scomodo che non si attiene all’ipocrisia del “politicamente corretto”, un testo nel quale anche i valdarnesi potranno riconoscere le voci delle proprie nonne e madri, delle vestaglie blu dei cappellifici di un tempo non troppo lontano.

Nel 2006 “Figlia di una vestaglia blu” si è aggiudicato il premio speciale “Miglior esordio” in occasione del libro dell’anno della trasmissione di Radio Rai “Fahrenheit” e tre mesi fa ha vinto il “Premio Minerva – Letteratura dell’impegno”.

Sabato 13 ottobre, alle 18,00, inaugurazione della mostra “Il mio istinto” di Alessandro Gambassi.

L’Ingresso è gratuito

Fahrenheit 451  San Giovanni Valdarno,
piazza della Libertà, 12/c
Telefono: 055/9110722
e-mail: info@f451.eu

link utili: http://www.figliadiunavestagliablu.it/