Il premier inglese ha scelto la splendida tenuta di Petrolo nel Comune di Bucine. L’ennesima conferma delle potenzialità turistiche della nostra vallata.

Non finirà nelle prime pagine dei rotocalchi come Porto Cervo, Milano Marittima o Formentera, ma anche il Valdarno continua ad essere una metà di vacanze per molti “pezzi da novanta”.

L’estate era iniziata con le voci sul breve soggiorno a Cennina di Pep Guardiola, all’agriturismo dell’ex pallone d’oro e campione del mondo Paolo Rossi, ed è proseguita con un altro nome di lusso. Alla “Tenuta di Petrolo”, a due passi da Mercatale nel comune di Bucine, trascorrerà le proprie vacanze il primo ministro inglese David Cameron, che potrebbe essere stato consigliato nella scelta dal collega francese Francois Fillon, avvistato ai piedi della torre di Galatrona appena dodici mesi fa.

Cameron, naturalmente insieme alla famiglia, dovrebbe arrivare domenica e nel frattempo la polizia municipale bucinese, in sinergia con le forze dell’ordine, sta preparando un cordone di sicurezza in grado di mettere al sicuro il soggiorno del primo ministro dagli sguardi indiscreti. L’arrivo di uno dei potenti della terra, infatti, attirerà non poche attenzioni e in molti presumibilmente, fotografi e non, proveranno ad  eludere la “security” pur di vedere con i propri occhi alcuni istanti di relax della famiglia Cameron.

L’unico valdarnese che potrebbe essere invitato alla “Tenuta di Petrolo” è il sindaco di Bucine Sauro Testi, al momento in Bosnia per motivi istituzionali, ma che si è detto disponibile, solo se richiesto, a portare il suo saluto a nome di tutta la sua comunità, che da una visita così non potrà che trarne beneficio. L’arrivo del “first minister” è l’ennesima conferma delle potenzialità turistiche della nostra vallata, scelta da vip e potenti per le sue bellezze e per la sua posizione strategica, a due passi da Siena, Arezzo, Firenze e il Chianti. Continuare a sottovalutare questo patrimonio sarebbe un delitto.

 

Andrea Calcinai